domenica 22 novembre 2015

Prologo


Parafrasando René Magritte: Questo non è un blog.
O meglio lo è, ma di un tipo un po’ diverso: si tratta infatti - per quanto io ne sappia - dell’unico blog a termine esistente. Con questo intendo riferirmi a un blog che ha una durata limitata nel tempo e prefissata in partenza; nel caso specifico si tratta di 25 settimane.
Ma suppongo che innanzitutto dovrei presentarmi, per chi non mi conosce: Marco Lazzara, insegnante, scrittore e, come molti amici della blogosfera già sanno, guest-blogger itinerante (oltre 70 guest-post in due anni e mezzo, una roba quasi da Guinness, direi...).
In questa mia attività di blogger senza blog ci sono stati alcuni argomenti, vuoi per un motivo vuoi per l’altro, di cui non sono riuscito a parlare e che essendo già ben definiti nella mia testa, mi spiaceva andassero perduti. Ecco il perché di questo blog. La durata a termine è invece dettata dal fatto che il mio ultimo libro, Arcani, è diviso in 25 capitoli, per cui questo progetto ha anche lo scopo di promuoverlo accompagnandone il percorso lungo il testo.
Il tema strutturale dell’opera sono gli Arcani Maggiori dei Tarocchi. Sono 22 carte, usate solitamente per la divinazione, spesso in combinazione con gli Arcani Minori (le classiche 54 carte da gioco). Nel mio libro ognuno degli Arcani Maggiori è rappresentato da un racconto, a cui è legato in modi diversi; questo perché i Tarocchi, come scopriremo un po’ per volta, sono molto interessanti, in quanto hanno diversi livelli di lettura: c’è la figura rappresentata, il suo significato e poi anche l’interpretazione.
Nel libro c’è poi un’ulteriore storia che apre, intermezza e chiude la narrazione, facendo quindi da cornice al tutto. Come si legge nella quarta di copertina: “Durante una fiera di paese, un giovane uomo entra incuriosito nel padiglione della zingara. La donna lo strega con una sorta di malia, con cui lo tiene avvinto a sé, ed estratto un mazzo di tarocchi, inizia a raccontargli delle storie, una per ogni carta dei 22 Arcani Maggiori. Queste storie un po' per volta si riveleranno collegate l'una all'altra da un misterioso filo conduttore, finché, giunti all'epilogo della vicenda, ogni carta verrà girata e ne verrà svelato il reale significato.”
Quindi, cosa troverete in questo blog? Ogni domenica verrà introdotta una carta degli Arcani Maggiori, mentre durante la settimana uscirà un articolo correlato. I temi saranno gli stessi di cui mi sono occupato in questi due anni e mezzo; per esempio, ci sarà il ritorno di una rubrica che tempo fa aveva appassionato tanti amici nella blogosfera. Infine, questo progetto procederà parallelamente a un’iniziativa a cui accenno da qualche tempo e che a breve potrà partire.
Per cui, ci si rivede tra una settimana per girare la prima delle 22 carte...



25 commenti:

  1. Finalmente! Da oggi il ronin della blogosfera è un po' meno ronin!

    RispondiElimina
  2. Non è la prima volta che leggo di quest'idea che poi viene messa in atto, ma di sicuro è un espediente molto efficace. Incuriosisce parecchio Marco (oltretutto non avevo realizzato tu fossi un blogger itinerante senzablog O.o)!
    A tra una settimana allora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' che sto aspettando che il libro esca anche in brossura. Io a casa ho le mie copie, ma perchè sia ordinabile c'è da aspettare ancora un pochino. A quel punto posso dare il via anche al progetto parallelo a questo blog, a cui spero in tanti (cioè 22) vogliate partecipare. :)

      Elimina
  3. Il link legato alla copertina del libro è sbagliato, rimanda "In che modo Google utilizza i cookie"... cominciata bene questa nuova esperienza :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pardon! Probabilmente un errore nel copia/incolla mentre creavo la struttura. Ora ho corretto il link. Grazie della segnalazione!

      Elimina
    2. hahahaha l'unico, l'unico che poteva trovare subito qualcosa che non andava... corre voce che sia pignolo. Un mito.

      Elimina
    3. Merito mio se ora il blog è perfettamente funzionante ( ̄ー ̄)

      Elimina
  4. Sempre a fare il misterioso! Adesso che hai messo la pulce nell' orecchio sono curiosa di sapere di cosa tratta l' iniziativa :)
    Mi fa impressione leggere il tuo blog, devo abituarmi all' idea che non sei più un senzatetto virtuale :P

    RispondiElimina
  5. Sono curiosa per tutto *__* Non vedo l'ora di poterti importunare con i miei commenti ^_^

    RispondiElimina
  6. Oooooh Vai Marco. Facciamolo diventare stabile questo blog

    RispondiElimina
  7. Ma e' stabile! Mica decade o si decompone! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahahaha in effetti. Mettiamola così, mantieni il blog aperto nei secoli dei secoli. Amen.

      Elimina
  8. Non sarà un blog, o lo sarà anche se a scadenza, sarà tutto quello che vuoi, ma io intanto mi ci iscrivo :P

    Sono davvero tanto curioso di vedere cosa ci proporrai!

    Però non posso esimermi dal domandarti subito una cosa: a livello degli argomenti trattati, quanto può essere utile o dannoso leggere prima il libro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, dannoso non potrebbe mai esserlo. :)
      Diciamo che è indifferente. I racconti del libro e gli articoli settimanali non hanno alcuna relazione tra loro, se non la carta che essi rappresentano.
      Nel libro c'è però una connessione strettissima con la carta, mentre qui gli articoli hanno una relazione più effimera, solo per dare una scaletta. Ho stilato la quasi intera programmazione degli articoli che usciranno di qui all'8 maggio (giorno di chiusura del blog) e solo nel caso della Carta del Papa articolo e racconto tratteranno dello stesso argomento.

      Elimina
    2. Sei stato chiaro, come sempre.

      Mi sta balenando in testa l'idea di fare un paio di prove con i primi 2 arcani, leggendone uno prima e uno dopo i rispettivi articoli, per poi scegliere la via da seguire. È folle, lo so, sarebbe più semplice leggermi tutto il libro di fila, ma mi intriga questa possibilità di percorso insieme :D

      Quando mi ricapita l'opportunità di stalkerare l'autore di un libro durante la lettura dello stesso? :P

      PS: ipotizzavi la concittadinanza (esiste questo termine? XD) con Massimo Citi, mi sa che non siamo pochi sotto la Mole ;)

      Elimina
    3. Quella che ti proponi è, direi, una fruizione espansa del libro, a cui poi si aggiungerà anche il progetto parallelo di cui sopra. In effetti è un MO di lettura tutto nuovo, potresti trovarlo avvincente. Io comunque sono qui settimana dopo settimana a rispondere sia del blog che del libro.
      Tra l'altro, così facendo te lo gusti proprio, sono 5 mesi!
      Beh, allora puoi già cominciare col Prologo. :D

      Elimina
    4. Per una mania tutta mia, essendo abituato alle saghe, sono sempre portato a leggere le opere di un autore in ordine cronologico, e avrei fatto in questo modo anche con te :P

      Però questa cosa mi stimola parecchio: sappi che così Arcani ha scalato la classifica dei da leggere affiancandosi alla lettura in corso, visto che -come hai detto giustamente- avrò tutto il tempo e me lo gusterò con quel quid in più.

      Una volta stabilito se leggere prima o dopo gli articoli (facendo la prova di cui sopra), tornerò a comunicare la scelta, magari potrà interessare anche ad altri intraprendere questo tipo di esperienza ^_^

      Elimina
  9. Cit. di qui all'8 maggio (giorno di chiusura del blog)
    Uhhhhhhhh! C'è tempo a sufficienza per cambiare idea, dai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è ancora partito davvero questo blog e già vi dispiacete della sua futura chiusura? :P

      Elimina
    2. E ne dubiti? o_O
      Ribadisco... c'è tempo ^_^

      Elimina
  10. Scoperto per caso (o, meglio, perché mi sono finalmente deciso a fare dopo un bel po' una nuova passeggiata nel flusso di Google Plus)!
    Ti seguirò senza dubbio ogni settimana. Tra l'altro hai anche scelto per la grafica del blog i miei colori preferiti in assoluto. Perché allora non li hai usati per il tuo? potresti chiedermi. Bella domanda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, il rosso bordeaux si sposava molto bene con il nero della copertina, per cui era una buona combinazione...

      Elimina