domenica 29 novembre 2015

Arcano I, Il Mago

“Il Mago, conosciuto anche come Il Bagatto, è via via il giocoliere, l’alchimista, il prestigiatore, il ciarlatano; rappresenta l’abilità e l’intelligenza, ma anche gli inganni che grazie a esse si possono perpetrare. Quindi, da una parte l’artista, l’ingegnere, il costruttore, dall’altra il truffatore.”
Nel mio libro, il racconto associato a questa carta è Giocattoli, dove una coppia di criminali cerca di mettere le mani sul denaro di una giovane vedova e del suo bambino...


Questa carta può quindi avere diversi significati, a seconda dell’interpretazione che ne viene data. Perché la fruizione e comprensione della realtà passa attraverso quadri di riferimento individuali, (quelli che nella psicologia dell’apprendimento vengono chiamati mappe cognitive), diversi e personali per ogni soggetto. Come avrete capito, l’articolo di questa settimana parla del concetto di realtà esistente, riproponendo un articolo comparso in origine su di un blog espirato tempo fa...

16 commenti:

  1. Nel 2014 un premio Nobel è stato assegnato proprio per la scoperta di specifici neuroni soprannominati "GPS" responsabili della mappatura e dell' orientamento in uno spazio complesso. Alla fine non era altro che mettere in pratica e monitorare più efficacemente l' esperimento ti Tolman. Non vedo l' ora di leggerlo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tolman quello che insegnava psicologia a Berkeley?
      L'articolo tu l'hai già letto, in realtà... :)

      Elimina
    2. Proprio lui! Lo immaginavo :P ma sono sicura che non leggerò lo stesso articolo, bensì una versione minuziosamente revisionata, da perfezionista che sei :)

      Elimina
  2. Ohhh, ma allora finalmente un blog ce l'hai!!
    Argomento interessante, comunque! Non conosco il corrispettivo e le analogie col tuo racconto, cercherò di recuperare :)
    Ah, quindi in bocca al lupo per questa avventura e... i tarocchi sono da me venerdì: ti aspetto^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, infine, anche se solo per 25 settimane. :)
      Leggerò sicuramente il tuo post sui tarocchi, così poi potremo anche confrontarci sull'argomento.

      Elimina
    2. E se non fosse da leggere? ;)

      Moz-

      Elimina
    3. Allora lo vedrò o ascolterò o qualunque forma tu abbia scelto.
      Compreso se saranno i MozTarocchi. ;)

      Elimina
  3. P.s. metti il widget per il following :D

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dato il tempo di vita del blog, non sento l'esigenza di mettere troppe robe. Comunque ti ho accontentato. ;)

      Elimina
  4. Non sapendo come commentare, scrivo che le mappe cognitive le ho studiate ad economia aziendale e di più non dico... ripeto, di più non dico (・へ・)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credevo che li si vedessero più le mappe concettuali, non sapevo.

      Elimina
  5. Mi piacciono i tarocchi, hanno una simbologia complessa e suggestiva;
    soprattutto, mi piace che si possono interpretare sia al diritto che al rovescio.
    DESTINO! Niente è assoluto. ^_^

    (Mi piacciono anche i colori del blog. Temevo lo sfondo nero °s° )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo! Se la carta esce girata al contrario, il suo significato viene invertito.

      Elimina
  6. E sarà per me l'occasione di conoscere meglio i tarocchi *__* Le mappe cognitive mi tentano, ma le temo pure :O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Glo, le mappe cognitive sono individuali, sono diverse da persona a persona in relazione al modo del singolo di rapportarsi col mondo (con la realtà); col tempo si formano i punti di vista personali a seconda di persone, ambiente ed esperienze vissute.

      Elimina